25^ Giornata Mondiale del Malato – “Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente”

“Voi siete il sale della terra… Voi siete la luce del mondo.”
5 febbraio 2017
Gesù è venuto a portare a compimento la Legge
12 febbraio 2017
Mostra tutto

25^ Giornata Mondiale del Malato – “Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente”

Fu san Giovanni Paolo II a istituirla e a definirne gli obiettivi più significativi: “La celebrazione annuale della giornata Mondiale del Malato – 11 febbraio – ha lo scopo manifesto di sensibilizzare il popolo di Dio e, di conseguenza, le molteplici istituzioni sanitarie cattoliche e la stessa società civile, alla necessità di assicurare la migliore assistenza agli infermi; di aiutare chi è malato, a valorizzare, sul piano umano e soprattutto su quello soprannaturale, la sofferenza; a coinvolgere in maniera particolare le diocesi, le comunità cristiane, le Famiglie religiose nella pastorale sanitaria; a favorire l’impegno sempre più prezioso del volontariato; a richiamare l’importanza della formazione spirituale e morale degli operatori sanitari e, infine, a far meglio comprendere l’importanza dell’assistenza religiosa agli infermi da parte dei sacerdoti diocesani e regolari, nonché di quanti vivono e operano accanto a chi soffre”. Quest’anno la XXV Giornata Mondiale del Malato sarà celebrata in forma straordinaria a Lourdes sul tema: Stupore per quanto Dio compie: “Grandi cose ha fatto in me l’onnipotente…” (Luca 1, 49). Con stupore guardiamo alla Grotta dalla dura roccia nella quale non entra mai il sole, e riconosciamo che là è sorta una corrente di grazia straordinaria fino a diventare luogo di consolazione e di speranza per molti malati.

 

Don Carmine Arice, ssc CEI, Direttore UNPS