“Abbiamo visto la sua stella e siamo venuti ad adorarlo” – 1° Martedì di Taizè: La Nascita

Preghiera di Taizé. L’essenzialità della Parola, dei canti, del silenzio.
24 febbraio 2015
San Gabriele dell’Addolorata: il santo del sorriso.
27 febbraio 2015
Mostra tutto

“Abbiamo visto la sua stella e siamo venuti ad adorarlo” – 1° Martedì di Taizè: La Nascita

Le stelle sono in cielo per mostrare la via ai naviganti. Spesso però noi ci perdiamo tra le stelle effimere di questo mondo, candele fioche che si spengono lungo il cammino, e non sappiamo più alzare lo sguardo al cielo per lasciarci guidare dalla vera Luce. Dio ci ha mandato Gesù per non perderci tra le strade di questo mondo, perchè avessimo un punto di riferimento fisso che ci indicasse la direzione giusta: la strada verso la salvezza.

Come i magi che seppero guardare al cielo e si misero in viaggio guidati dalla stella, anche noi, in questo cammino quaresimale, alziamo lo sguardo a Cristo perchè sia lui a guidare i nostri passi verso il Padre.

 

Preghiera

Le stelle che brillano e le forze in movimento: tutto sparisce e perde il suo splendore davanti allo splendore della stella che annuncia la tua venuta. Tu sola sei visibile, tu manifesti l’immagine del Padre onnipotente, e così ci fai conoscere la grandezza del Padre e del Figlio.

Come il Padre potente, nelle sfere celesti, così tu, stella divina, annunci il Figlio che è nel nostro universo il primo, il corifeo, e il Signore di ogni potenza; tu sei la stella che proviene dal Padre, fin dalle origini, tu sei la luce di tutta la terra. Tu sei il nostro modello, il nostro ordinatore, tu sei la nostra strada e la porta che guida alla luce, Gesù Cristo, il salvatore del mondo.

Tu Gesù sei l’immagine della giustizia. Tu sei sempre la nostra stella e la nostra luce. Ti rendiamo grazie, lodi e benedizioni. Davanti a te pieghiamo le ginocchia con fiducia. Ti chiediamo tutto ciò che è retto. Concedici di essere fermamente stabili nella fede; di avere salute del corpo per poterti lodare.

Così ti canteremo senza posa e in ogni circostanza; e ti loderemo perché da ogni parte tu sei celebrato, tu l’immortale, l’instancabile, l’eterno, la nostra luminosa stella.