Con Cristo vinciamo le seduzioni del Maligno
5 marzo 2017
Cristo ci dà l’acqua viva che soddisfa la nostra sete
19 marzo 2017
Mostra tutto

Gesù Cristo sul monte anticipa la sua gloria

Lungo le celebrazioni domenicali di questo tempo quaresimale ci vengono proposte le grandi tappe della storia della salvezza, con i personaggi che ne sono stati protagonisti, come Abramo, da cui ha avuto origine il popolo di Dio (I Lettura). La sua figura è caratterizzata dalla piena disponibilità alla volontà di Dio e della collaborazione al suo progetto di salvezza. Egli rappresenta la moltitudine di tutti coloro che si fidano del Signore.

Il racconto della trasfigurazione (Vangelo) da una parte ci indica la finalità del digiuno e della pratica quaresimale con la trasformazione della nostra vita, dall’altra colloca al centro della storia della salvezza la persona di Gesù (“Questi è il Figlio mio, l’amato: il lui ho posto il mio compiacimento”), e anticipa il mistero di gloria della sua more e risurrezione. La presenza di Mosè e di Elia (rappresentanti dell’Antico Testamento) conferma che ora l’ascolto del credente va rivolto unicamente a Gesù (“Ascoltatelo!”). San Paolo (II Lettura) invita il cristiano a soffrire con lui per il Vangelo, per poter partecipare alla pienezza della redenzione operata da Cristo.