Cristo ci dà l’acqua viva che soddisfa la nostra sete
19 marzo 2017
Gesù disse a Marta: “Io sono la risurrezione e la vita”
2 aprile 2017
Mostra tutto

Gesù disse al cieco: “Tu credi nel Figlio dell’uomo?”

“Fratelli, un tempo eravate tenebra, ora siete luce nel Signore” (II Lettura). L’espressione di Paolo dice la trasformazione decisiva per ogni persona che ha incontrato Gesù Cristo; incontro significato nel Vangelo da quanto accaduto al cieco nato, simbolo di ogni uomo illuminato da Cristo. Il cieco acquista la luce quando si lava nella piscina di Siloe, “che significa inviato”: l’uomo diventa luce “nel Signore”, l’Inviato. Chi non riconosce Cristo, si rinchiude nella cecità e finisce, come i farisei, per confondere le tenebre della propria cecità con la luce della verità: “Se foste ciechi, non avreste alcun peccato, ma siccome dite: “noi vediamo”, il vostro peccato rimane”. In Gesù, Verbo incarnato nel quale trova vera luce il mistero dell’uomo, viene offerta all’uomo la verità ultima sulla sua vita, senza la quale l’esistenza umana rimane enigma insolubile. Ognuno che si metta in seria e onesta ricerca della luce, si trova già sulla via che conduce a Cristo. Con questa luce possiamo anche noi “vedere il cuore” della realtà, oltre l’apparenza (I Lettura).

Fr. Angelo Borghino, ofm CAP