Sotto il tuo Manto. Un mese con Maria: “Lo Specchio”
1 giugno 2015
Sotto il tuo Manto. Un mese con Maria: “La Casa”
1 luglio 2015
Mostra tutto

Il Sacratissimo Cuore di Gesù, fonte inesauribile di grazia.

«Io ti prometto, nell’eccesso della misericordia del mio Cuore, che il mio amore onnipotente concederà a tutti quelli che si comunicheranno il primo venerdì del mese per nove mesi consecutivi, la grazia della penitenza finale. Essi non moriranno in mia disgrazia, né senza ricevere i sacramenti, e il mio Cuore sarà loro asilo sicuro in quell’ora estrema» (Gesù a santa Margherita Maria Alacoque).

Il Sacro Cuore è la manifestazione della tenerezza e della compassione di Dio verso di noi. Quando si sente parlare di cuore, viene comunemente da pensare alla sfera dei sentimenti: non è in questo clima sentimentale che bisogna collocare e vivere la devozione al Sacro Cuore, ma nel clima biblico, dove il cuore indica la radice profonda della persona nel suo rapporto con Dio, con un Dio che entra in dialogo a tu per tu con la sua creatura e che si è fatto così vicino agli uomini da voler avere un cuore di carne per far loro sperimentare il suo stesso amore divino. Il Cuore di Gesù si è rivelato nel silenzio del Venerdì Santo, quando, squarciato per amore sulla croce, dalla sua ferita ha fatto scaturire sangue e acqua, come dono della sua presenza in mezzo a noi. Il Cuore di Gesù è la fonte inesauribile da cui possiamo attingere l’abbondanza della grazia e in cui possiamo contemplare le grandi opere dell’amore di Dio per noi.

Con piena confidenza buttiamoci dunque nella fornace ardente dell’amore di Gesù e invochiamo misericordia per noi e per il mondo intero.