“Solo al Signore Dio tuo ti prostrerai…” – 2° Martedì di Taizè
24 febbraio 2016
Il rinnegamento di Pietro. Incontri di Misericordia
1 marzo 2016
Mostra tutto

La grazia della vergogna dei peccati. Meditazioni sulla Misericordia

Sant’Ignazio insegna che, soprattutto guardando il Cristo crocifisso, possiamo sentire quel sentimento tanto umano e tanto nobile che è la vergogna dei nostri peccati; confrontando la sapienza di Cristo con la nostra ignoranza, la sua onnipotenza con la nostra debolezza, la sua giustizia con la nostra iniquità, la Sua bontà con la nostra cattiveria. (cfr. Esercizi Spirituali)

 

L’invito che fa Gesù è di non vergognarsi mai di Lui, ma di seguirlo sempre con dedizione totale, fidandosi e affidandosi a Lui. Ma guardando a Gesù, come ci insegna sant’Ignazio nella Prima Settimana, soprattutto guardando il Cristo crocifisso, noi sentiamo quel sentimento tanto umano e tanto nobile che è la vergogna di non essere all’altezza; guardiamo alla sapienza di Cristo e alla nostra ignoranza, alla sua onnipotenza e alla nostra debolezza, alla sua giustizia e alla nostra iniquità, alla sua bontà e alla nostra cattiveria. Chiedere la grazia della vergogna; vergogna che viene dal continuo colloquio di misericordia con Lui; vergogna che ci fa arrossire davanti a Gesù Cristo; vergogna che ci pone in sintonia col cuore di Cristo che si è fatto peccato per me; vergogna che mette in armonia il nostro cuore nelle lacrime e ci accompagna nella sequela quotidiana del “mio Signore”. E questo ci porta sempre, come singoli e come Compagnia, all’umiltà, a vivere questa grande virtù. Umiltà che ci rende consapevoli ogni giorno che non siamo noi a costruire il Regno di Dio, ma è sempre la grazia del Signore che agisce in noi; umiltà che ci spinge a mettere tutto noi stessi non a servizio nostro o delle nostre idee, ma a servizio di Cristo e della Chiesa, come vasi d’argilla, fragili, inadeguati, insufficienti, ma nei quali c’è un tesoro immenso che portiamo e che comunichiamo.

(papa Francesco)