Novena dell’Immacolata

 Guarda la stella, invoca Maria!

Guarda la stella, invoca Maria!

«Sono trascorsi trent’anni da quando un po’ incredulo insieme ad alcuni ragazzi di allora che partecipavano di mattina alla novena dell’Immacolata, ho pensato di allargare l’invito a tutti i ragazzi. Ora sono contento che un’intera generazione di essi è cresciuta sotto lo sguardo vigile, premuroso e materno di Maria. Il Signore non ci poteva ispirare niente di più bello che affidare i futuri giovani e genitori del domani a Colei di cui lo stesso Dio Padre si è fidato mettendole tra le braccia il suo unico e diletto Figlio, Gesù. Ragazzi di allora e di adesso, quando penso a voi con gli occhi gonfi di sonno perduto ma felici che vi assiepate stretti nell’insufficiente chiesa per cantare, gioire e battere le mani davanti alla Mamma del cielo, ogni volta piango di gioia e ringrazio Dio per tanta sua benevolenza e ringrazio voi che avete reso possibile questo miracolo. Prego che l’Immacolata vi custodisca sempre con le vostre famiglie che avete formato sotto il suo manto materno e, se un giorno vi trovaste in difficoltà, ricordatevi sempre che in Maria avete trovato pace e gioia, allora guardate la stella e invocate Maria.

Grazie a tutti, vi ricordo sempre con affetto nelle mie preghiere.»

Don Giuseppe

Photogallery della Novena

Vai alle foto >

Vai alle foto >

Novena Immacolata

In coro attorno a Maria: occhi gonfi… ma felici!

La Novena dell’Immacolata è un momento di gioia e festa per tutta la comunità. Dal 1985 don Giuseppe invita a celebrare la festa di Maria, dopo un periodo di preparazione intenso, con le novene di primo mattino che vedono tuttora la partecipazione di bimbi, da pochi anni di vita fino ai giovani più rivoluzionari ed anticonformisti, che, assetati d’amore, nonostante proposte così lontane dai loro orizzonti di comodità e fiacchezza, rispondono a tale “provocazione” con una partecipazione a volte contestata, ma costante.

Innamorato di Maria, “la mamma del mio Signore”, così appellata da lui, don Giuseppe da ormai 30 anni propone alla sua comunità Maria nelle vesti di madre, voce che chiama, cuore aperto al mondo, aurora di speranza, fontana sigillata, giardino chiuso, accompagnando tali immagini con simboli costruiti a misura della chiesa che si animano all’occorrenza per essere anche visivamente segno di grandi verità di fede. Ogni simbolo viene accompagnato di anno in anno da un canto da lui composto, con la collaborazione musicale dei maestri Michele Solimando e Leo De Cata che si occupano degli arrangiamenti. Dal 2001 nasce l’idea di raccogliere in cd tutti canti che hanno accompagnato le novene dell’Immacolata, per permette ai fedeli di riascoltare le melodie cantate negli anni a Maria con “occhi gonfi… ma felici!”.