Maria Santissima della Neve: la nascita della prima basilica mariana
5 agosto 2015
San Massimiliano Kolbe: il bunker fu la sua ultima parrocchia
14 agosto 2015
Mostra tutto

Santa Chiara d’Assisi, compagna di Madonna Povertà

Proveniente da una nobile famiglia umbra, Chiara ha appena 12 anni quando Francesco d’Assisi compie il gesto di spogliarsi di tutti i vestiti per restituirli al padre. Conquistata dal suo esempio, pochi anni dopo fugge da casa per raggiungerlo alla Porziuncola e si avvia a una nuova vita. Istituisce una famiglia di claustrali radicalmente povere, l’Ordine delle Clarisse. Il carisma della donna si manifesta entro le mura del monastero in contemplazione e preghiera, seguendo in parte il modello benedettino da cui si differenzia per la ferma e coraggiosa difesa della povertà. Questo è il tema centrale della sua esperienza mistica, la sequela di Cristo, da cui Chiara non vuole essere dispensata nemmeno dal papa. Solo abbandonando i beni materiali e affidandosi a Dio, Chiara si sente libera di percorrere il suo cammino religioso. È protettrice delle telecomunicazioni. Il giorno di Natale, nella Messa servita da Francesco, lei, malata, non è presente. Le cronache raccontano che le appare una visione della Messa e al momento della Comunione le si presenta innanzi un angelo che le dà la possibilità di comunicarsi con l’ostia consacrata.