“Signore, fa’ splendere il tuo volto su di noi” – Messaggio per la Quaresima 2015

Catechesi 2015 – Vangelo di Marco, Capitolo 6
13 febbraio 2015
Preghiera di Taizé. L’essenzialità della Parola, dei canti, del silenzio.
24 febbraio 2015
Mostra tutto

“Signore, fa’ splendere il tuo volto su di noi” – Messaggio per la Quaresima 2015

Signore, fa’ splendere il tuo volto su di noi (Salmo 80,4)

Quante volte abbiamo detto al Signore di desiderare di vedere il suo volto, pensando che il nostro amore verso di Lui sarebbe stato più intenso, più reale. Egli ce l’aveva manifestato già da tempo in modo profondo e vero: Amerai il Signore tuo Dio”. Non avevo mai compreso pienamente il significato di quel “tuo”.

Signore, ti cercavo altrove: nelle cose, nell’universo. Ora Tu mi hai svelato il tuo volto che è dentro di me. Tu, o Signore, hai posto l’immagine tua nella mia persona, nella mia vita, nel mio pensiero, nei miei desideri, nei miei progetti.

Ogni volta che il mio pensiero è puro, quando il mio cuore so riempirlo d’amore, quando i miei occhi sanno scorgere tra il male il bene che brilla in ognuno, io scopro il tuo volto santo, o Signore.

Ma è necessario togliere prima tutti gli altri idoli che affollano la mia esistenza. “Non avrai altri dei di fronte a me”. Questi idoli miei frutto della superbia, del desiderio di potere, del piacere del possedere offuscano il tuo volto splendido che tu avevi impresso dentro di me e comincio ad avere un’immagine distorta di te, o Signore.

E a noi, sperduti e incerti hai mandato il Tuo Figlio, Gesù, perché guardando, ascoltando Lui e imitandolo potessimo liberarci da intrighi e dalle pastoie sì di ritrovare la tua persona dentro di noi; e perché anche la persona del Tuo Figlio Gesù non apparisse a noi così lontana, ci hai dato come punto di riferimento, per poterlo avere sempre presente e poterlo amare concretamente, i nostri simili: Amerai il prossimo tuo come te stesso”.

Se amo il bello, il bene, il giusto, la grandezza, il puro che tu hai messo dentro di me, io riscoprirò te, o Dio, che vive in me, che operi in me, che ami, che soffri, che ridi e piangi in me e allora so che tu, come in me, sei in ogni uomo: quello che avete fatto al più piccolo di loro lo avete fatto a me”.

Solo quando saprò amare veramente me come immagine di te, o Dio, si ricomporrà l’armonia del mio spirito e la gioia della comunione con gli altri miei simili e li chiamerò fratelli perché, come me, figli di Te, nostro un ico Padre.

Tu, o Signore, hai condotto il tuo popolo Israele per quarant’anni nel deserto perché si purificasse degli idoli dell’Egitto e riscoprisse te come unico salvatore “che ti ho fatto uscire dalla schiavitù dell’Egitto”.

Ora, o mio Dio, per mezzo della tua santa Chiesa vuoi condurre il popolo della nuova alleanza, redento da Cristo, a ricostruire in lui, nel tempo di quaranta giorni della Quaresima, la tua vera immagine di un Dio che è Padre.

Aiutaci con la tua Parola, con i tuoi sacramenti a liberarci da tanti idoli che ci siamo costruiti e non permettono di vedere il tuo volto splendente di Padre che ci ami di un amore infinito e misericordioso che Cristo, Tuo Figlio, è venuto a manifestarci.

Vi auguro un buon cammino quaresimale alla riscoperta del volto di Dio impresso dentro di noi fin dalla nostra nascita e ancor di più nel santo battesimo.

Arrivederci a Pasqua per risorgere tutti insieme!

don Giuseppe