“Solo al Signore Dio tuo ti prostrerai…” – 2° Martedì di Taizè

Il peccato luogo della misericordia. Meditazioni sulla Misericordia
22 febbraio 2016
La grazia della vergogna dei peccati. Meditazioni sulla Misericordia
29 febbraio 2016
Mostra tutto

“Solo al Signore Dio tuo ti prostrerai…” – 2° Martedì di Taizè

La tentazione di Satana che si può racchiudere nell’espressione “Tutto sarà tuo”, insinua dentro di noi l’idea che tutte le realtà di questo mondo sono nostre se Dio non c’è; sembra quasi che il nostro rapporto con Dio impedisca di avere un rapporto sano con le cose. Ci convinciamo che l’unico modo per poter realmente godere delle cose sia quello di liberarci di Dio.

Il tentatore non sopporta l’adorazione di Dio perché adorare Dio significa relativizzare la realtà: ecco perché Satana suggerisce a Gesù di avere potere sulle cose eliminando Dio; solo così le cose potranno essere fonte autentica di godimento, di gioia, di pienezza di vita.

Anche noi avvertiamo un fortissimo richiamo ad abbandonare l’adorazione del Padre per poter godere appieno delle creature: le cose del mondo ci seducono, ma tutto è nostro soltanto se noi apparteniamo a Dio e con San Paolo diciamo: “Sì, tutto è nostro, ma noi siamo di Cristo e Cristo è di Dio!” Se apparteniamo a Dio, se adoriamo Lui solo ritroviamo il giusto rapporto con le cose di questo mondo e ritroviamo la via autentica per il nostro bene.

Liberaci Gesù da questa tentazione, perché tutte le volte in cui abbiamo assolutizzato le cose, dopo un primo momento di apparente appagamento, gioia, soddisfazione, abbiamo sperimentato la noia, l’amarezza interiore, lo sconforto di cuore… Facci vivere, Signore, le cose di questo mondo secondo il piano del Padre, così non soltanto non le perderemo, ma anzi le ritroveremo nella loro verità che sola ha la capacità di appagare davvero il nostro cuore.

 

PREGHIERA

Padre, liberaci dal male e dal maligno. Tu vedi il nostro avversario, a noi invisibile, questo Satana che il Cristo ha combattuto senza tregua. Liberaci da lui, dai suoi suggerimenti, e fa’ in modo che mai cediamo al suo potere. Liberaci dallo spirito del dubbio che vorrebbe scalfire la nostra fede, immobilizzarci in uno scetticismo sterile e negativo. Liberaci dallo spirito di menzogna che ci fa ingannare gli altri e noi stessi, disprezzare la tua luce e preferire l’errore. Liberaci dallo spirito di sfiducia che ci fa vedere in te un Dio ostile, ci fa dimenticare il tuo sguardo di bontà. Liberaci dallo spirito d’orgoglio e d’ambizione, che ci incita a ribellarci a te per cercare soddisfazioni illusorie. Liberaci dallo spirito egoistico che ci fa sacrificare gli altri a noi stessi, ricercare il piacere invece della vera felicità. Liberaci dallo spirito di odio e di vendetta che semina e perpetua le divisioni tra noi. Liberaci dallo spirito di viltà che ci fa abbandonare i nostri doveri per scoraggiamento. Fa’ che lo spirito del male non abbia alcun influsso su di noi, affinché possiamo rimanere nel tuo amore di Padre!