2 novembre: il ricordo dei fedeli defunti
2 novembre 2015
Sotto il tuo Manto. Un mese con Maria: “Nuova Eva”
1 dicembre 2015
Mostra tutto

Tempo di avvento: un tempo di luce

Quali sono i sentimenti che provi quando aspetti una persona che non vedi da molto tempo, e che presto sarà in casa tua? Certamente, fra tutti, il desiderio di vedere la persona cara e l’affetto che ti lega a lei ti animano il cuore e la gioia rende l’attesa piena di esultanza. Questo, in pratica, è l’Avvento.

Esso è un tempo nel quale la Chiesa ci aiuta a prepararci alla venuta del Signore Gesù: egli, venuto nella povertà della nostra condizione umana duemila anni fa, ogni anno rinnova nella fede questo evento di grazia: è come se anche tu fossi presente a quell’evento benedetto, e puoi godere della stessa luce che avvolse i pastori ignari. Allora l’Avvento è un tempo di attesa gioiosa, nel quale svegliare lo spirito, forse un po’ troppo addormentato a causa del peccato e della superficialità.

Quali sono i segni che ti aiutano a vivere bene questo tempo forte? Anzitutto, la luce. Più volte sentirai, nelle letture di questo periodo, riferimenti alla luce: Casa di Giacobbe venite, camminiamo nella luce del Signore (Is 2,5).

L’Avvento è il periodo nel quale fare entrare la luce del Signore che viene nella tua vita, soprattutto per mezzo degli strumenti che già conosci: la preghiera ardente e piena di attesa nei confronti dell’Atteso delle genti. A questa unisci un ascolto più attento della Parola di Dio che ti viene offerta: Lampada per i miei passi è la tua parola, luce sul mio cammino (Sal 119,105). Infatti, solo questa Parola può rischiarare le profondità del tuo essere, comprese le parti più nascoste di te, per comprendere che solo il suo amore può salvarti. Anche la santa Messa deve riacquistare un posto di particolare importanza nella tua vita di cristiano: scaccia dal tuo cuore l’abitudine e la tiepidezza e scoprirai che nella Messa Dio stesso ti conduce alla conoscenza piena di suo Figlio, donato anche a te, per la tua salvezza. Infine, affìdati con tutto il cuore a Maria: sarà lei stessa a portarti nel cuore dell’Avvento e a riconoscere suo Figlio nell’umiltà di Betlemme.